EXILLES 2016, il Forte come polo culturale. Una sfida da non far mai cadere

9485423-kbs-u10801047726062l3g-1024x576lastampa-it

Durante la scorsa estate, dopo il successo del 2015, fino ai primi di Settembre, il Forte di Exilles si è animato di concerti, mostre, spettacoli teatrali, convegni, proiezioni cinematografiche e reading pubblici. Il ricco calendario di appuntamenti, curati da il Circolo dei lettori, Associazione Inoltra e Comune di Exilles, hanno regalato alla storia del Forte nuovi capitoli che uniscono tradizione e modernità.

Anche le Dolomiti UNESCO hanno partecipato alle attività di Exilles. Venerdì 15 luglio si è tenuto l’incontro Alpenland 2030: tracce di futuro. Annibale Salsa, antropologo, Enrico Camanni, scrittore e giornalista, Marcella Morandini, Fondazione Dolomiti Unesco e Gianluca d’Inca Levis, Dolomiti contemporanee, hanno partecipato alla  tavola rotonda per ragionare sul futuro dei territori alpini e condividere le esperienze di valorizzazione dei luoghi che costituiscono un patrimonio ambientale e culturale.

L’incontro è stato curato da Antonio De Rossi e Roberto Dini, IAM – DAD Politecnico di Torino. Nell’ambito di Torino e le Alpi.

Contest per giovani band
Contest per giovani band

Il Forte di Exilles

Il Forte di Exilles, del quale il nostro giornale ha intenzione di tornare spesso a parlare, ha una storia fatta di guerre, confini e leggende. Simbolo di equilibrio fra tradizione e modernità, ha l’imponenza delle antiche rocche fortificate e una suggestiva architettura. All’inizio del Seicento modificò il suo assetto di vecchio castello in fortezza bastionata, ove ospitò tra il 1681 ed il 1687 il misterioso e famoso personaggio denominato “Maschera di Ferro”.

E’ oggi la scenografia di un ricco calendario di appuntamenti, a ingresso libero e a pagamento, curati da il Circolo dei lettori e l’Associazione Inoltra, in collaborazione con realtà locali pubbliche e private. Musica, arte, cinema e letteratura entrano nel Forte, come era già capitato in passato.

PHOTO GALLERY

 

Nessun commento