“Il giro breve del Thabor” non va confuso con il Tour du Thabor, trekking classico in più giorni molto frequentato da escursionisti francesi e stranieri. Il giro breve si fa in solo due giorni con un unico pernottamento in rifugio o in tenda se si preferisce. Prima dell’arrivo della neve, in autunno, è uno dei trekking più suggestivi delle nostre zone. Un ambiente superbo, molto isolato e selvaggio. L’anfiteatro glaciale del Thabor da Nord è uno dei luoghi più belli in assoluto della Valle Stretta. Ambiente patagonico… vedere per credere!

705_001-2
Glacier du Thabor. Foto dei primi del ‘900, il ghiacciaio era ancora perfettamente formato

DESCRIZIONE ITINERARIO

  • Difficoltà: EE (Escursionisti Esperti, Scala difficoltà)
  • Stagione: Da Giugno a Ottobre
  • Esposizione prevalente: Tutte
  • Località partenza: Grange di Valle Stretta (Névache)
  • Punti appoggio: Rifugio “I Re Magi” e Refuge du Thabor
Mont Thabor al centro, Pic du Thabor e Passage du Thabor a sinistra, Col du Valmeinier a destra
Mont Thabor al centro, Pic du Thabor e Passage du Thabor a sinistra, Col du Valmeinier in basso a destra

Accesso
Da Torino fino a Bardonecchia (A 32). Da Bardonecchia seguire le indicazione per il colle delle Scala ma al bivio per Nevache proseguire a destra risalendo la Valle Stretta fino alla sbarra che blocca l’accesso in prossimità dei rifugi III Alpini e Re Magi, dove si lascia l’auto.

Itinerario


Primo giorno                                                                                                                       Parcheggiare l’auto nei pressi del Rifugio I”I Re Magi” (1769 m).
Passate le Grange Valle Stretta si prosegue nel bosco lungo la strada sterrata (o per il sentiero poco evidente) che conduce al Pian della Fonderia (0.30 ore), si lascia alla propria sinistra il sentiero per il Thabor e si prosegue dritti fino a trovare le indicazioni per il lago Verde e il Colle di Valle Stretta.
Si attraversa il ponte sul Rio Valle Stretta entrando nel vallone Tavernetta.
Si supera l’ampio pianoro in direzione Nord per giungere al Colle Valle Stretta a quota 2445 (2.30 ore dal Pian della Fonderia).
Dal colle si piega decisamente verso Ovest (a sinistra), si perviene in breve al Refuge du Thabor (CAF della Maurienne) che ci si lascia alle spalle proseguendo verso il Laghi Santa Margherita (2550 m circa, 0.30 ore dal Colle Valle Stretta).
Nei pressi del secondo lago si possono montare le tende. Acqua disponibile nei numerosi ruscelli che alimentano il lago. In alternativa si può pernottare al Refuge du Thabor.

Salendo al Colle di Valle Stretta
Salendo al Colle di Valle Stretta

Secondo giorno

Si prosegue inizialmente lungo il sentiero per poi abbandonarlo seguendo degli ometti in direzione del Col du Cheval Blanc o Bissort (2793 m).

Il Col du Cheval Blanc e la Dent du Bissort
Il Col du Cheval Blanc con la Dent du Bissort a sinistra

Dal Colle si entra nell’anfiteatro delimitato dalle creste Est e Nord del Monte Thabor.
Si attraversa per morene e nevai l’ampia conca lasciandosi alla propria sinistra il colle Peyron e contornando la base del Pic du Thabor si perviene al Passage du Pic du Thabor (2952 m); il sentiero è segnato con ometti di pietra fino a un primo colletto da cui attraversando il pendio senza perdere quota si arriva al Passage.

L'anfiteatro nord del Thabor. Dent du Bissort e Cheval Blanc a sinistra
L’anfiteatro nord del Thabor. Dent du Bissort e Cheval Blanc a sinistra. Al Centro Mont Thabor e Pic du Thabor a destra

Da qui ci si affaccia sul vallone Ovest del Thabor e si prosegue in direzione Sud perdendo circa 150 – 200 m di quota, per poi puntare in direzione del Col du Valmeinier (2865 m).

Lacs du Glacier du Thabor, in cima al vallone di Valmeinier
Lacs du Glacier du Thabor, in cima al vallone di Valmeinier

Dal Col du Valmeinier ignorando la traccia verso Sud-Ovest che porta a Nevache, si scende in direzione Sud-Est l’ampio pendio che conduce al Lago Chardonnet, 2599 m, dove si incontra la traccia che discende il vallone (ometti) fino a un’ampia conca che si attraversa per congiungersi al frequentato ed evidente sentiero del Thabor. Lo si segue fino al Pian della Fonderia da cui, seguendo a ritroso l’itinerario del primo giorno, si giunge alle Grange Valle Stretta e quindi alle macchine.

VARIANTE DI DISCESA… Volendo dopo il Lago Chardonnet si taglia a destra e si raggiungono prima i laghi della Grand Tempete (luogo magico e molto panoramico!) e poi il noto Lago Lavoir. Dal Lavoir ci si ricongiunge facilmente all’itinerario previsto. Calcolare complessivamente un’ora in più.

Note: Escursione con pernottamento in tenda (evitabile se si dorme al rifugio del Thabor) che attraversa nel secondo giorno valloni solitari e selvaggi, molto panoramica, splendido colpo d’occhio sulla Barre des Ecrins, il Pelvoux, la Mejie.
Attenzione all’orientamento in caso di nebbia e brutto tempo, molti tratti non sono segnalati né da segnavia né da ometti.

Per info ulteriori o organizzazione in gruppo dell’escursione contattare l’Ufficio Escursioni MONTAGNARD di Bardonecchia: info@montagnard.info

GALLERY

Nessun commento